DistributoriallaSpina.it: inquino meno, risparmio di più

Home

Il latte crudo è sicuro?

Nessun sito web sul latte crudo sarebbe completo senza una discussione sui microrganismi buoni o cattivi eventualmente presenti. E questo è un punto chiave. Non tutti i batteri sono cattivi, ad esempio, Lactobacillus brevis è tra i buoni.

Si parla spesso di Salmonella e E. coli: nessun alimento sembra essere immune. Tuttavia quello che spesso non si dice che il latte crudo possiede una protezione data dai batteri lattici normalmente presenti. In campo microbiologico tutto ciò si definisce “principio di esclusione competitiva”, cioè come i batteri come ad esempio, Lactobacillus acidophilus, possono effettivamente limitare o uccidere quelli cattivi come il Campylobacter jejeuni (responsabile della comune diarrea intestinale).

Ciò non toglie che in ogni caso un alimento può essere contaminato. Di solito dipende dal modo in cui è stato prodotto, manipolato e confezionato. E' evidente che la bassa qualità igienica del latte crudo prodotto fino a metà del 1900, contaminato con i bacilli della tubercolosi, o della brucellosi, costituiva un pericolo per la salute umana. Con il processo di pastorizzazione, si è ottenuto così una maggiore sicurezza, distruggendo più o meno tutti i batteri, buoni e cattivi e quindi riducendo il potenziale di infezione. La pastorizzazione però non è un'arma perfetta, proprio perché distrugge ad esempio i batteri lattici e rovina irrimediabilmente gli enzimi, alcune vitamine e probabilmente anche le proteine.

Con la tecnologia diffusa ormai da tempo negli allevamenti, mungitura meccanica, pulizia degli ambienti e soprattutto la refrigerazione immediata del latte appena munto, oltre che con l'ottimo lavoro di prevenzione delle malattie come la tubercolosi effettuato dalla Sanità, si è ottenuto un latte crudo sicuro, con il vantaggio di poterlo consumare con tutte le caratteristiche integre e non rovinate dalla pastorizzazione.

Riscaldamento del latte rende meno capaci di difesa contro le infezioni successive. Con la distruzione del suo piccolo numero di batteri dell'acido lattico e le altre fabbriche di calore sensibile sostanze antimicrobiche, non può più proteggere se stesso come bene.

D'altra parte non si può nemmeno sostenere che il latte pastorizzato sia assolutamente sicuro, visto che si contano numerosi casi di infezione ad esso addebitabile, sia in Italia che all'estero.

 

bevilatte.it
http://www.bevilatte.it/il_latte_crudo_sicuro.html

 

 
Share |

I distributori di prodotti sfusi

Contenitore a gravità per cibo secco

 

Contenitore a paletta per cibo secco

 

Distributore per vino alla spina

 

Ecobox per detersivi alla spina


 

 

 

 

 

Impianto acqua alla spina

Sondaggio

Quali prodotti alla spina acquisti più di frequente?
 

Comprare sfuso...

Comprare sfuso permette un risparmio economico, di risorse e per l'ambiente.

 

Per il consumatore

- igiene e sicurezza

- possibilità di provare e mischiare più prodotti

- possibilità di vedere costantemente qualità ed integrità del prodotto

- ecosostenibilità (riduzione rifiuti e packaging)

- comodità e libertà di acquisto (possibilità di acquistare la quantità desiderata)

 

Per il venditore

- margine di guadagno più elevato (40-50%)

- ecocompatibilità

- rotazione dello stock

- ordine e grande assortimento dei materiali

- vendita di più prodotti in poco spazio

- merchandising (più prodotti a vista d'occhio)

 

 

Per l'ambiente

- mancanza di confezione

- riciclo dei contenitori

- riduzione dei costi di trasporto - filiera corta

 

 


Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione accetto la Policy sui cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information